Rinoplastica

RINOPLASTICA

L’intervento di rinoplastica ha lo scopo di modificare la forma del naso migliorandone l’aspetto e creando una nuova armonia del volto. Consiste nella riduzione e rimodellamento dello scheletro cartilagineo e osseo del naso. Il grado di miglioramento è soggettivo e dipende dal tipo di cute e dalla forma e dimensioni dello scheletro osteocartilagineo sottostante. E’ possibile ridurre o aumentare il volume della piramide nasale, cambiare la forma della punta e del dorso, cambiare l’angolo fra il naso e il labbro superiore oppure restringere le narici.

Per chiarire con il paziente quali correzioni è possibile effettuare chirurgicamente, durante le visite pre-operatorie vengono fatte alcune fotografie con le quali il dr. Costa studia le proporzioni del viso e le correzioni eseguibili sulla regione nasale. Tali modifiche vengono fatte a computer e riportate sulle fotografie al fine di chiarire e discutere col paziente il progetto operatorio e fornire una possibile previsione fotografica del risultato chirurgico.  Non tutti i nasi permettono le stesse correzioni e quindi lo stesso risultato finale: scopo della rinoplastica non è quello di creare il naso perfetto, ma quello di correggere gli inestetismi del singolo naso e renderlo armonioso con il resto del viso.

 

Nel caso sia presente un difetto di respirazione, è possibile nel corso dello stesso intervento correggere l’eventuale deviazione del setto nasale e/o l’ipertrofia dei turbinati (rinosettoplastica e/o turbinoplastica).

 

MODALITA’ E DURATA DELL’INTERVENTO

E’ un intervento che solitamente viene eseguito in anestesia generale e prevede una notte di ricovero, eccetto nel caso in cui le correzioni da apportare siano minime e  ci si possa limitare ad una anestesia locale con sedazione. L’intervento ha una durata variabile, in genere da una a tre ore, a seconda della tecnica utilizzata.

Per avere un accesso che permetta di scollare il rivestimento cutaneo dallo scheletro sottostante si eseguono incisioni all’interno del naso a livello del vestibolo (tecnica chiusa) e quindi non ci saranno cicatrici esterne; solo in casi selezionati potrà essere necessario eseguire un’incisione esterna a livello della columella nasale per avere un campo operatorio più ampio (tecnica aperta).

Dopo aver sollevato la cute dalle strutture profonde, si potrà procedere al rimodellamento delle cartilagini della punta e del dorso del naso e delle ossa nasali, al fine di modificare la forma della punta e rimuovere un eventuale gibbo. Potrebbe inoltre essere necessario prelevare segmenti di cartilagine settale per sostenere la punta o il dorso e/o migliorare il risultato. Se necessario, si procederà poi alla frattura alla base delle ossa nasali per poterle riavvicinare e ripristinare la continuità del dorso nasale. In alcuni casi sarà necessario associare all’intervento di rinoplastica la correzione del setto nasale deviato o dei turbinati ipertrofici: si parla di rinosettoplastica e turbinoplastica.

Al termine dell’intervento, dopo la sutura delle brecce chirurgiche, verranno posizionati dei tamponi endonasali, che saranno rimossi entro 24-48 ore. Inoltre sul dorso del naso verrà apposto un piccolo archetto contenitivo, che immobilizza e protegge la nuova struttura. Tale splint termoplastico verrà rimosso a distanza di 7 giorni, dopo i quali sul dorso verranno messi dei cerotti per un’altra settimana.

 

DECORSO POST-OPERATORIO

Nei giorni immediatamente successivi all’intervento il viso apparirà gonfio con eventuali ecchimosi a livello perioculare: l’edema tenderà a ridursi quasi completamente in circa 7-10 giorni, fino a scomparire del tutto nell’arco di 3-4 settimane, mentre i lividi si riassorbiranno in circa 10 giorni.

Solitamente la sintomatologia dolorosa è minima o assente, comunque facilmente controllabile con blandi analgesici (es.:  paracetamolo).

E’ consigliabile per alcuni giorni mantenere il capo sollevato anche durante il riposo (posizione semi-seduta) e applicare sulla fronte una borsa del ghiaccio.

Dopo la rimozione dei tamponi saranno prescritte creme, gel e spray da applicare nelle narici, utili a detergerle e migliorare la respirazione.

Sarà possibile riprendere le relazioni interpersonali senza alcun segno visibile del pregresso intervento di rinoplastica in circa 2 settimane.

Si consiglia di evitare l’esposizione a fonti di calore (phon o lampade abbronzanti) e l’uso di occhiali con montature pesanti per circa 1 mese dopo l’intervento. L’attività sportiva andrà sospesa per circa 2-3 settimane.

Questo sito utilizza cookie tecnici: se vuoi saperne di più o negarne il consenso clicca su maggiori informazioni. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso del cookie.
Maggiori Informazioni
Ok